Vitamina C | La verità che ti hanno nascosto

Vitamina C | La verità che ti hanno nascosto

Immaginate che un virus letale spazzi via il mondo, uccidendo e mutilando centinaia di migliaia di persone. Niente sembra essere in grado di fermarlo fino a quando un dottore attraverso dei test trova una soluzione e riesce a curare 60 bambini gravemente infetti dal virus letale. Nonostante i positivi risultati  le scoperte del dottore vengono ignorate lasciando che il virus devasti l’umanità per decenni.

Questa non è la trama di un film futuristico di contaminazione e pestilenze globali, ma è la vera storia che accadde nel giugno del 1949 quando la poliomelite era al suo apice. Il dottor Frederick Klenner, un ricercatore del Nord Carolina aveva scoperto che una massiccia dose di Vitamina C, sopra i 20.000mg. al giorno per 3 giorni, aveva curato 60 dei suoi pazienti. Le prove scientifiche vennero pubblicate su alche riviste scientifiche ma vennero ignorare e non ci fu nessun interesse  nell’approfondire quelle rivelazioni.

l cardiologo dottor Thomas Levy autore del recente “Vitamina C – Infezioni, malattie e tossine. Curare l’ Incurabile” tutt’ora sostiene di avvertire un senso di rancore e di dispiacere pensando a quante persone hanno perso la vita o sono rimaste mutilate a causa della poliomelite e potevano essere salvate. Levy critica la professione medica convenzionale che negli anni ha sistematicamente ignorato tutti gli esperimenti condotti sulla Vitamina C  e come grandi quantitativi potrebbero combattere batteri, tossine, infezioni virali  gravi come la Aviaria, la SARS, l’Epatite e l’Herpes. Levy sostiene che anche l’ Aids potrebbe essere controllato attraverso un’ elevata somministrazione di Vitamina C.

Già nel lontano 1950 il doppio premio nobel chimico Linus Pauling promuoveva l’uso massiccio di Vitamina C, ma i suoi rapporti vennero ovviamente smentiti dai medici.

Recentemente il sentimento anti-Vitamina C è cresciuto. E’ stata accusata di causare la formazione dei calcoli renali e che quantità superiori a 200mg. facilitano la produzione di agenti che danneggiano il DNA.

L’Agenzia Britannica Standards Food raccomanda di assumere un massimo di 1000 mg. di Vitamina C al giorno, mentre una direttiva passata attraverso il Parlamento Europeo mira a diminuire il dosaggio fino a 100 mg. nonostante questa richiesta sia stata dichiarata “illegale” dall’ avvocato generale della corte di Giustizia Europea.

Durante questo dibattito i consumatori Europei continuano comunque ad assumere la Vitamina C  per combattere i raffreddori. La capsula da 1000mg è ancora l’integratore più popolare seguita da quella da 500mg. Alcuni integratori vegetali naturali come le bacche di Goji bilogiche e quindi certificate stanno avendo inoltre risultati sorprendenti in laboratorio e tra i consumatori.

Alcune persone sostengono che possiamo assimilare sufficiente Vitamina C da frutta e verdura ma Levy non è d’accordo con questo. Egli dice che dipende da un “piccolo errore di progettazione genetica” che ci rende incapaci di sintetizzare da soli la Vitamina C. La maggior parte degli animali rimane in salute durante tutta la vita, mentre gli esseri umani trascorrono anni ad affrontare malattie croniche. Il fatto è che gli animali riescono a produrre la Vitamina C autonomamente. La capra ad esempio produce circa 13000 mg di Vitamina C al giorno arrivando fino a 100.000 mg in caso di infezioni o attacco di batteri nocivi.

Quindi ha ragione Levy? Dobbiamo assumere mega- dosi di Vitamina C al giorno ed infusioni endovenose quando ci ammaliamo? Forse…

Al momento la discussione è aperta, possono esserci dosi curative mentre altre dosi dannose per la stessa condizione. Inoltre alcuni integratori di Vitamina C possono essere non perfettamente formulati e quindi può essere fatta un errata considerazione dei dosaggi.

I risultati  recenti sembrano spezzare una lancia a favore del dottor Levy, dimostrando che massicce dosi di Vitamina C non sono tossiche, sono ben lontani da causare cancro, anzi la Vitamina è un buon integratore per i pazienti oncologici cronici e non c’è nessun rischio di sviluppare calcoli renali. Il problema secondo il ricercatore non è un assunzione esagerata ma un assunzione troppo ridotta considerando inoltre che significative quantità vengono espulse attraverso le urine.

Allora che dosi di Vitamina C devo assumere?

Raffreddore: 3 dosi da 1000mg al giorno;

Influenza: Anche se è simile al precedente la carica carica virale è molto piu forte. Secondo alcune ricerche assumere fino a 20.000mg. al giorno potrebbe essere benefico;

Herpes:  la ricerca ha dimostrato che questa infezione post virale può essere efficaciemente curata con una dose di Vitamina C di 3000mg. al giorno per 3-4 giorni.

Sbronza: Assumere una quantità di 1000mg al giorno la settimana precedente una sbronza riduce lo stress del fegato. Se sei ubriaco e vuoi sembrare sobrio la Vitamina C previene lo stato di ebrezza e gli effetti sul corpo.

Salute generale: Un dose di 1000mg al giorno è considerata sufficiente per mantenere  buoni livelli di vitamina C nei tessuti e nel sangue. Ad esempio una manciata di bacche di goji al giorno (circa 30-40g.) ad alto contenuto vitaminico possono contribuire al fabbisogno giornaliero e apportare benefici alla salute generale.

Related Products

Comments

comments

0

Your Cart